Modica verso il declino?

Modica verso il declino?

Condividi

La risposta a questa domanda potremmo forse trovarla nell’analisi dei numeri che ci fornisce l’Istat, in merito alla demografia degli ultimi dieci anni, che andrò a mostrare nelle righe di questo post.

Partirei dal primo dato, forse quello più importante. Da quando è iniziata la crisi economica, ciò dal 2008, ad oggi, letà media della popolazione, da non confondere con l’aspettativa di vita,  è passata da 40,4 anni a 42,7 anni . E’ invecchiata di due anni.

Se pensate che un paese del Mediterraneo, come la Turchia, ha un’età media di 30, 7 anni, capite bene quanta meno forza ed energia ci è rimasta. L’altro dato è il numero di abitanti: è cresciuto solo di 200 unità. Da 54.332 a 54.530.

Dal grafico sottostante si evince l’andamento della popolazione residente dal 2001 al 2017

Anche il saldo naturale, che non è altro che la differenza tra i nati e i morti, mostra una situazione negativa, questo vuol dire che i decessi superano le nascite. Negli ultimi sette anni è stato sempre negativo. Nel 2017 il saldo registra -117.  Il grafico sottostante mostra visivamente l’andamento. La linea gialla che rappresenta i decessi sale, la linea verde ( le nascite) cala.

La struttura della popolazione può considerarsi regressiva, in dieci anni gli abitanti con più di 65 anni  sono passati dal 18,6% al 20,5%  sul totale. Se il trend rimane invariato, nel 2035  gli ultra 65enni rappresenteranno quasi un terzo della popolazione.  Dal 2008 ad oggi sono diminuiti del 2,8 % i residenti da 0 a 14 anni.

 

Il dato che preoccupa fortemente è anche l’indice di struttura della popolazione attiva, che rappresenta il grado di invecchiamento della popolazione in età lavorativa. E’ il rapporto percentuale tra la parte di popolazione in età lavorativa più anziana ( 40-64) e quella più giovane ( 15-39 anni). Nel 2008 l’indice era di 90,6, nel 2018 segna invece 115, 1.

Questo vuole dire che diminuendo i giovani, la popolazione che lavora è sempre più vecchia. Nel futuro ci saranno pochi giovani in età lavorativa che dovranno sostenere molti più anziani.

La popolazione straniera residente a Modica, intesa come quei cittadini non italiani avente dimora abituale in Italia, ha permesso di mantenere il livello dei residenti nella città più o meno stabile negli ultimi dieci anni. Infatti al 2018 si registrano 1.953 cittadini stranieri residenti, il 3,6% della popolazione. Senza questi nuovi residenti, la città  statisticamente avrebbe circa 2000 abitanti in meno, con implicazioni ancora più forti in ambito economico e sociale.

Se la crescita economica è anche fortemente correlata all’aumento demografico, occorrono delle serie azioni e incentivi per invertire il trend, per riportare gli indici sociodemografici ed economici nuovamente in positivo. Altrimenti il rischio è il declino.

Condividi