Come fare soldi, dal nulla!

Come fare soldi, dal nulla!

Condividi

Chi vorrebbe cambiare la sua vita facendo soldi senza sudare, impiegare il proprio lavoro, in breve senza FARE NULLA?  Penso la stra-maggioranza di noi. N’è riprova la piaga delle scommesse e delle puntate al Lotto.

E’ allora come si fa a diventare ricchi senza lavorare?

Beh, non è una cosa che può riuscirci chiunque. Forse uno su 10.000.000 ce la fa. E ce la fa anche inconsapevolmente.

Questa “inconsapevolezza” è capitata a un ragazzo di Cosenza di solo 15 anni, che ha postato un video su Youtube del tutto banale in  cui chiede al padre, mentre guida,  di salutare il suo pubblico ( allora solo i suoi amici).

– “Saluda Andonio! Saluda Andonio!”- Esorta il ragazzino al padre, che non lo considera di striscio.  Il video una volta caricato sulla piattaforma diventa virale e raggiunge più di 7 milioni di visualizzazioni.

Di seguito il video

Neanche Guy Debord, nella sua opera famosa – La società dello spettacolo –  avrebbe mai potuto prevedere un fenomeno del genere: diventare famosi dal nulla e con il nulla.

Oggi Marco Morrone, così si chiama il ragazzo, è conteso da molte discoteche, eventi pubblici in tutta Italia; arrivando a guadagnare anche 1.500. euro in un’ora. Non solo. Anche belle donne, più grandi lui, lo corteggiano.

Alla faccia di coloro i quali, di quando era nessuno, lo prendevano in giro per il suo aspetto fisico. Da vittima del bullismo a star del web.

Il fenomeno è diventato così di interesse nazionale che anche Le Iene gli hanno dedicato un servizio.

Tre cose che possiamo imparare da questo fenomeno:

#1. Che con tutte le buone intenzioni e la scienza che ci mettiamo per creare un video virale, non sapremo mai cosa possa spingere le persone a condividerlo e farlo diventare popolare.  E la rete che per combinazione astrale decide cosa piace e non piace. Anche la cosa più banale.

#2. Che c’è molto pubblico su Youtube, quel pubblico che la televisione generalista non riesce più a intercettare: gli adolescenti, e non solo. E’ la fine della televisione così come l’abbiamo intesa.

#3. Che i futuri personaggi dello spettacolo nasceranno, anzi sono già nati, da Youtube, Facebook e Istagram.

Libri consigliati da leggere:

-La società dello spettacolo di Guy Rebord 

-Youtube per il business. Fare marketing e guadagnare con i video

-Codice Montemagno. Diventa imprenditore di te stesso grazie al digital

 

Condividi